IL SALONE DEL MOBILE 2017: come è entrato nelle nostre case?

Ed eccoci a parlarvi del Salone del Mobile 2017! Poco tempismo penserete… che ci crediate o no, abbiamo lasciato a tutti gli altri blog lo spazio per commentare, descrivere e spulciare gli stand del Salone, custodendo gelosamente l’argomento per noi più importante: toccare con mano l’effettiva influenza che ha avuto sul mestiere del design degli interni.

Il grande evento che si ripete ogni anno e che attira innumerevoli spettatori da tutto il mondo, viene spesso scambiato per un ufficiale aggiornamento con il design (oltre ad un’ottima scusa per abbuffarsi di stuzzichini gentilmente offerti!!). In realtà, non è proprio così.

Ci piace definirlo un grande contenitore di idee.

L’aria di innovazione che si respira tra gli stand, le novità e le ispirazioni che circolano tra le corsie e i padiglioni, non sono le nuove regole del design, né nuovi esempi da seguire.

Cosa sono? sono input, per chi li sa percepire: nuovi ricercati ingredienti per la realizzazione di “piatti” sempre più complicati…

Va da sé che migliorare qualcosa che funziona già bene è molto difficile e, per questo, ogni novità, idea e restyling, è come un’inedita creazione di un’aspirante chef in coda per il suo provino: entrare a far parte della nuova tendenza è l’obiettivo principale, a volte la riuscita è trionfante… a volte un po’ meno!

Andiamo a scoprire insieme nei prossimi articoli i ‘vincitori’ di questo Salone del Mobile: cosa è diventato parte del nostro design, quello vero, entrando nelle case delle persone e colorando gli ambienti in cui viviamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *